Pronto soccorso odontoiatrico – SOS dentista

Probabilmente vi sarà capitato di trovarvi da qualche parte e di essere spettatori di qualche trauma dentale. Vi sarete chiesti cosa fare e come intervenire per diminuire al minimo la condizione del malcapitato.
La perdita accidentale di un elemento dentario si chiama “Avulsione” e succede quando vi è la fuoriuscita dell’intero dente dall’alveolo dentario in seguito ad un trauma riportato non solo alla bocca ma più in generale a tutto il viso (distretto oro- facciale).
In questa sezione vedremo cosa è possibile fare in caso di avulsione traumatica di un elemento dentario, unitamente ai comportamenti da seguire i questi casi.

body-tooth-anatomy-icon

A seguito di un trauma durante attività sportiva, incidente automobilistico, un dente può essere letteralmente strappato dall’alveolo, la sede naturale in cui risiede un dente.

In tal caso il dente colpito deve essere immediatamente localizzato, cercandolo sul luogo dell’incidente; il tutto solo dopo essersi accertati delle buoni condizioni di salute del soggetto.
Se vi è la presenza di sanguinamento è consigliabile stringere, in corrispondenza dell’alveolo, un fazzoletto pulito e posizionare immediatamente impacchi di ghiaccio per tamponare il trauma dell’incidente.

agua-icon

Subito dopo l’avulsione il dente può essere reimpiantato nel luogo in cui è avvenuto l’incidente, riposizionandolo all’interno dell’alveolo.
Se il dente è sporco il paziente deve pulirlo con la propria saliva lasciandolo dentro la propria cavità orale.
Se invece sono presenti grumi si sangue o detriti all’interno della cavità orale il paziente dovrà eliminarli e solo dopo aver espulso i residui fisici dalla bocca potrà provare a procedere con l’inserimento del dente precedentemente pulito.
La rapidità di questo passaggio aumenta le possibilità di salvare il dente.

plaster-icon

Il dente, appena trovato, va pulito e deve essere preso necessariamente dalla corona, evitate di prenderlo dalla radice e di sciacquarlo con altre sostane disinfettanti che potrebbero danneggiare in maniera irreversibile le cellule vive presenti sulla superficie radicolare.
Se è possibile il dente deve essere ricollocato nella propria sede nei minuti immediatamente successivi all’incidente da parte di un adulto o dalla stessa persona che ha perso il dente e lo stesso deve incastrarsi perfettamente.

case-icon

Se, per un qualsiasi motivo, il dente non può essere posizionato nell’alveolo dovrebbe essere trasportato nel più breve tempo possibile da un dentista, tempestivamente avvisato dell’accaduto così da potersi attrezzare per l’emergenza.
Esistono diversi modi per trasportare il dente:
Dopo che il paziente ha pulito il dente con la propria saliva, può immetterlo in una soluzione salina (contenitore con acqua + mezzo cucchiaino di sale) meglio se l’acqua venga attinta da una bottiglia sigillata.
Il dente può essere lasciato direttamente nella cavità buccale, posizionandolo tra la guancia e la gengiva esterne dei settori posteriori dell’arcata superiore (se si tratta di un bambino di età inferiore agli otto anni è sconsigliata questa procedura in quanto lo stesso potrebbe deglutirlo accidentalmente)
Dopo aver pulito il dente, lo stesso può essere immesso all’interno di un bicchiere di latte a temperatura ambiente.

temporary-tooth-icon

Un dente completamente avulso dall’alveolo e che ha mantenuto intatta la propria struttura DEVE essere reimpiantato entro 60 minuti dopo l’avvenimento del trauma.
Fondamentale è che il dente non sia fratturato in nessuna zona e che sia completamente integro.
Il tempo che trascorre dall’inizio del trauma è proporzionale al successo del reimpianto: meno tempo passa, più possibilità si avranno di salvare il dente.

telefono-icon

Appena possibile avvisate dell’accaduto il vostro odontoiatra di fiducia che certamente saprà far fronte nel migliore dei modi alla situazione.
Se tutte le istruzioni vengo eseguite correttamente ci sono buone possibilità che quel dente rimanga nel proprio alveolo per il resto della vita; altresì va anche detto che, nonostante la giusta esecuzione di tutte le procedure precedentemente citate, il reimpianto potrebbe dar luogo ad un insuccesso ed alla successiva perdita di quell’elemento, che andrà sostituito secondo un piano terapeutico adeguato.
In ogni caso il reimpianto verrà monitorato nel tempo dal vostro dentista, che certamente farà tutto il possibile per salvare il vostro dente.

baby-crying-icon

Queste regole sono raccomandate solo ed esclusivamente per denti permanenti; nel caso di denti decidui (da latte), il reimpianto non funziona.
Se l’avulsione è di un dente deciduo è necessario tamponare il sanguinamento, qualora ce ne fosse, e recarsi nel più breve tempo possibile da un odontoiatra che dovrà valutare la condizione orale del piccolo paziente.

Stefania Barbieri