È davvero necessario cambiare lo spazzolino dopo l’influenza?

È davvero necessario cambiare lo spazzolino dopo l'influenza?

Certamente molti di voi avranno letto, o sentito, l'affermazione "dopo aver avuto l'influenza è buona norma cambiare lo spazzolino da denti".

Per molti questa affermazione potrebbe risultare assolutamente vera, dal momento che sullo spazzolino proliferano i microrganismi che hanno provocato la patologia, e potrebbero farla ripresentare dopo l'utilizzo dello stesso presidio.

Per fortuna non funziona così, perché il nostro corpo è dotato di un complesso sistema di difesa, detto sistema immunitario, capace di produrre una specifica risposta contro l'agente invasore producendo delle sostanze (anticorpi) in grado di riconoscere e combattere il microrganismo che ha provocato la patologia. Questo significa, che lo stesso microrganismo non è in grado di eludere le difese immunitarie, nonostante venga nuovamente a contatto con il nostro organismo.

È davvero necessario cambiare lo spazzolino da denti dopo essersi ammalati?

"Nella maggior parte dei casi, non è assolutamente necessario cambiare lo spazzolino. Anche se i virus dell'influenza possono sopravvivere sugli spazzolini da denti fino a tre giorni dopo la prima esposizione, non è necessario buttare via lo spazzolino solo perché ci si è ammalati", lo afferma il dott. Bhavik Desai, direttore della sezione di Medicina Orale e Professore Associato presso il Dipartimento di Salute Orale e Scienze Diagnostiche presso il Dental College of Georgia dell'Università di Augusta.

Lo spazzolino da denti utilizzato durante il periodo di influenza può risultare dannoso solo se condiviso con altre persone... ma questa mi sembra una pratica poco prudente ( e disgustosa) che chiunque eviterebbe di applicare a prescindere dal rischio di contaminazioni microbiche!

Quanto possono sopravvivere i microrganismi sullo spazzolino?

Secondo il National Health Service (NHS) Regno Unito, il virus dell'influenza può sopravvivere su una superficie per un tempo massimo pari a 24 ore, mentre su uno spazzolino da denti può resistere per poche ore, finché lo stesso non si è asciugato; una volta eliminato l'ambiente umido il virus non riesce più a sopravvivere (ecco perché non bisogna coprire mai la testina dello spazzolino da denti quando è ancora umida).

Sebbene sullo spazzolino da denti si raccolgono tantissimi microrganismi, ad oggi non esistono prove che dimostrino una maggiore probabilità di ammalarsi nuovamente se non viene cambiato lo spazzolino dopo una malattia.

Lo spazzolino da denti può essere considerato veicolo di malattia?

La trasmissione dell'influenza attraverso lo spazzolino da denti è ipoteticamente possibile, ma tecnicamente improbabile.

Infatti il virus dell'influenza può essere mischiato attraverso la saliva, ma una volta depositato sulle setole dello spazzolino, la sua vita è limitata a poche ore, soprattutto se si ha cura di sciacquare accuratamente lo spazzolino sotto acqua corrente (possibilmente fredda).

Quindi in sintesi, dopo aver avuto l'influenza, buttare via lo spazzolino non ha molto senso... ma se questo può aiutarvi a farvi sentire psicologicamente meglio allora fatelo... ma ricordate che non correte alcun rischio di contrarre la stessa patologia!

Leggendo questo articolo ti sarai chiesto come tener pulito lo spazzolino da denti, cliccando QUI potrai leggere 10 pratici consigli per l'igiene del tuo spazzolino da denti.

Se stai pensando di sterilizzare lo spazzolino da denti, cliccando QUI potrai trovare tutte le informazioni utili.

Stefania Barbieri

 

Commenti