Ciucciotto: è bene utilizzarlo?

Ciucciotto: è bene utilizzarlo? 

In questo articolo si parlerà del ciucciotto e risponderò a una domanda che spesso le neo- mamme ci pongono, ovvero se il ciucciotto è effettivamente utile e se l'utilizzo scorretto può determinare effetti indesiderati sul cavo orale del bambino.

Partiamo dal principio. Scopriamo cos'è la suzione e perché è utile!

La suzione è un istinto naturale del neonato, che compare già durante la gravidanza. Per ogni bambino la suzione rappresenta un atto di vero piacere, perché stimola il rilascio di serotonina, un neurotrasmettitore capace di regolare moltissime funzioni legate ad una sensazione di benessere e tranquillità. Non a caso, la serotonina, è conosciuta come ormone del "buon umore", proprio perché è in grado di aumentare il benessere psico- fisico con conseguente appagamento e serenità.

Inoltre, per il neonato, la suzione è fondamentale ai fini nutritivi, oltre a contribuire al rilascio di prolattina, un ormone rilasciato nel corpo della mamma e responsabile della produzione di latte dal seno materno.

In generale, dal punto di vista psicologico, la suzione rappresenta per ogni bambino un vero e proprio piacere. In particolare la suzione non nutritiva (SNN) procura al piccolo una sensazione di benessere e tranquillità, oltre a ricordare l'intimo incontro con il seno della mamma.

Quindi il ciucciotto rappresenta un valido strumento, capace di dare al bambino sensazioni  piacevoli ogni qual volta si trova in uno stato momentaneo di tensione, come il pianto o l'agitazione.

Inoltre il ciucciotto, rappresenta un valido ausilio per la corretta crescita delle ossa mascellari, pertanto è giusto utilizzarlo, seppur seguendo alcuni fondamentali accorgimenti.

  1. Si consiglia di introdurre il ciuccio dopo il primo mese di vita, perché il bambino non si abitui ad esso rifiutando il seno della mamma e quindi la suzione nutritiva.
  2. Evitare di forzare l'inserimento del ciuccio; se il bambino lo rifiuta rispettare la sua preferenza.
  3. Evitare di inserire il ciucciotto per tutto il giorno, ma concederlo soltanto in alcuni momenti indispensabili e per un tempo limitato (per farlo addormentare, oppure se è particolarmente agitato).
  4. Non utilizzare MAI il ciucciotto come veicolo di sostanze dolci (intingerlo nel miele o nello zucchero) per calmare o far addormentare il bambino.
  5. Cambiare il ciucciotto dopo circa 3 mesi
  6. Rispettare i sistemi di sterilizzazione consigliati ed evitare metodi di disinfezione "casalinghi" come ad esempio passare il ciuccio dalla bocca del genitore a quella del bambino.
  7. Eliminare il ciuccio dopo il 24° mese di vita; procrastinare l'utilizzo del dispositivo oltre questa età può determinare alterazioni funzionali e anatomiche del cavo orale del bambino.
  8. Ultimo consiglio e forse il più importante... ricordate sempre di ricorrere al buon senso. Il ciuccio è soltanto uno strumento da utilizzare con tempi e modalità ben precise.

Stefania Barbieri

GUARDA IL VIDEO 

CONDIVIDI ORA!

Commenti